100% Made in Italy

Sistemi di cronometraggio

per esame patente moto A1-A2-A

per scuole guida

G.U. nr 238 del 12/10/2018

(placeholder)

Copyright Grand Prix Technology and GPT Engineering s.a.s. 1984 >2019

G.P.T. and GPT Engineering are trade mark registred  - All right reserved Vat nr. IT00850740960

Sistemi di cronometraggio, cronometri lap timer gear indicator, speedometer, tachometer, indicatori di marcia inserita,contamarce digitali, data acquisition system,dashboard, rpm tachometers, contagiri motore, contaore motore resettabile, engine hours meters resettable, OEM production, Made in Italy

(placeholder)


Nuovo esame patente A, A1 e A2: le novità del decreto pubblicato in Gazzetta GU nr 238

In arrivo esami della patente moto più veritieri, ecco come cambieranno gli esercizi per conseguire la licenza A, A1 e A2. Basta esami per la patente della moto a bassa velocità e in condizioni di guida lontane dalla realtà. Le novità introdotte con il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale, arrivano le nuove modalità di esame per prendere la patente A, A1 e A2. Ecco come si svolgeranno le nuove prove di valutazione a tempo, ma non tutte le autoscuole potrebbero essere pronte a recepire allo stesso modo le direttive comunitarie sull’esame di guida per la moto in condizioni reali.

• Il decreto sui nuovi esami per la patente della moto

Il decreto del 26 settembre 2018 “Nuova disciplina delle prove di valutazione delle capacità e dei comportamenti per il conseguimento delle patenti di guida delle categorie A1, A2 e A” assimila le nuove direttive comunitarie (direttiva 2006/126/CE) sulle prove d’esame in condizioni di guida più vicine alla realtà. Gli esercizi mostrati nello schema qui sotto, dovranno essere svolti a una velocità più alta rispetto ai 30 km/h attuali. Questo comporterà inevitabilmente il ricorso ad aree chiuse e spazi opportunamente pensati per poter svolgere sia gli esercizi di allenamento che le prove di valutazione ufficiali in sicurezza. Una necessità per la quale l’UNASCA (l’Unione delle Autoscuole e degli Studi di Consulenza Automobilistica) sta dialogando con ANCI (l’Associazione Italiana dei Comuni) e con la Motorizzazione per trovare una soluzione che metta le autoscuole nelle condizioni di poter partire con le nuove direttive al più presto.

• L’abbigliamento tecnico obbligatorio

Il criterio di valutazione dei nuovi esami per il conseguimento della moto categoria A, A1 e A2 introduce il fattore tempo: per entrambi gli esercizi infatti, in aggiunta alle altre valutazioni precedenti con cui gli esaminatori valutano la destrezza e la capacità di controllare la moto. Inoltre il decreto sembra aprire la strada all’obbligo dell’abbigliamento tecnico per chi va in moto oltre al casco integrale. L’articolo 2 del decreto infatti stabilisce che i candidati dovranno indossare:

• casco integrale;

• guanti;

• giacca con protezione dei gomiti e delle spalle; • scarpe chiuse;

• pantaloni lunghi e protezioni delle ginocchia; • paraschiena.


• L’esercizio dello slalom

Il primo esercizio viene eseguito a bassa velocità per dimostrare le capacità di controllare il motociclo e quindi l’equilibrio a bassa velocità. Per questo esercizio viene predisposto un percorso come nell’immagine qui sotto formato da uno slalom su 18,2 metri di lunghezza e di 2,2 metri di larghezza dopo il quale bisogna fare inversione su un tornante di 4 metri di raggio ed entrare nel corridoio di coni stretto 1,3 metri. La prova non viene superata se il candidato:

• tocca uno o più coni;

• salta un cono durante lo slalom o esce dal percorso;

• mette un piede a terra, coordina in modo irregolare la guida dimostrando scarsa abilità;

• impiega un tempo inferiore a 15 secondi per completare il percorso.


Evitamento dell’ostacolo a 50 km/h Il secondo esercizio invece punta a verificare la capacità del candidato di controllare il motociclo a 50 km/h, quindi a differenza del precedente deve essere ultimato in un tempo limite di 25 secondi. Per raggiungere la velocità utile lo spazio necessario all’esercizio e alla prova d’esame deve poter contare su un corridoio di almeno 70 metri lungo i quali l’allievo dovrà percorrere uno slalom, percorrere un tornante per fare inversione a U e dopo un rettilineo di lancio mostrare di saper evitare un ostacolo percorrendo un tragitto obbligato largo 1 metro, fino a fermare la ruota anteriore in un quadrato delimitato dai coni. La prova non viene superata se il candidato:

• toccare uno o piu’ coni;

• salta un cono durante lo slalom o uscire dal percorso;

• mette un piede a terra;

• coordina in modo irregolare la guida, dimostrando scarsa abilità;

• arresta il motociclo con la ruota anteriore che non ha superato il primo allineamento o che

ha superato il secondo allineamento;

impiega un tempo superiore a 25 secondi per completare il percorso.


Saranno disponibili due sistemi di cronometraggio, uno manuale ed uno automatico a mezzo fotocellule, per ufficializzare il tempo della prova del candidato,

SISTEMI DI MISURA DIGITALI

INDICATORI DI MARCIA INSERITA

TACHIMETRI DIGITALI

(placeholder)
(placeholder)
(placeholder)

PULSANTIERE START/STOP

(placeholder)

SISTEMI DI CRONOMETRAGGIO

(placeholder)
(placeholder)

SPIE ALLARMI